Intervista a J.C.

gesu-big1.jpgInauguro oggi una serie di interviste a personaggi famosi.

Intervista a Gesù Cristo

 Andrea  Sono molto emozionato per quest’occasione. Gesù, noto anche come Gesù di Nazaret nato nell’anno zero a Betlemme. Per prima cosa come vuoi che ti chiami? 

Gesù Cristo –  Vorrei chiarire che io sono nato nel sei Avanti Cristo, ma questo detto così ha poco senso. Puoi chiamarmi rabbi come facevano tutti oppure Yeshu. Ma per me non è un problema.  

A – Allora profeta, taumaturgo e padre del cristianesimo. Ti riconosci in questa descrizione? 

G.C. – Dunque, mi riconosco in parte. Sicuramente padre del cristianesimo. Per quanto riguarda la taumaturgia e le mie capacità profetiche preferirei soprassedere. 

A – Certo, mi togli un gran pensiero perché io sono ateo. Allora, se non ti dispiace, avendo questa possibilità straordinaria, vorrei farti qualche domanda specifica, 

G.C. – Spara. 

A – Il tuo messaggio. Cosa ne pensi di quello che n’è stato fatto?

 G.C. –  Non sono per niente contento. Mi sono impegnato molto per dare delle indicazioni semplici, cose come “ama il prossimo tuo come te stesso” o “non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te” mi sembravano molto facili da capire, eppure vedo tra i cristiani poche persone convinte di questi due semplici messaggi

A.  E questo secondo te da cosa dipende? 

G.C. – Molto dipende da com’è gestita la chiesa. Io avevo indicato Pietro che era una brava persona. Ogni domenica, quando vedo il papa e i vescovi adorni d’oro e ricchezze capisco perché il mio messaggio stenta a decollare. 

 A –  proposito di Papi, cosa ne pensi di quello attuale?

 G.C. – Non farmene parlare. Voglio, come idea di massima, dirti che io sono stato crocifisso come rivoluzionario, perché volevo dei cambiamenti. In vaticano, invece, sembra che vogliano rimanere nel medio-evo.Pensa, ad esempio, all’eutanasia. Quando ero sulla croce avrei distribuito vite eterne a raffica se qualcuno avesse avuto il buon cuore di far cessare quell’agonia.

A  E perché non l’hai fatto?

  G.C. – Per paura di ritorsioni. Guarda l’odio che ha generato la questione Giuda / Erode contro gli ebrei. E’ stato meglio così, credimi.

A  Ultimamente si è parlato di una tua fuga verso l’India e una tua dinastia. Puoi confermare?

 G.C. – preferisco tenere la mia vita privata lontana dai media.A  Capisco. Allora parliamo di Padre Pio, anzi ormai S.Pio. Cosa ne pensi?

 G.C. – Voglio risponderti con una domanda. Se tu amassi davvero qualcuno, reputandolo straordinario e degno della tua massima fiducia gli creeresti piaghe su mani, piedi e costato per tutta la sua vita? Ti pare che tra le cose che ho detto ci sia da qualche parte l’apologia delle piaghe purulente e sanguinanti? E poi credi che io distribuisca miracoli a chi crede in P.Pio lasciando morire di fame e malattia bambini in tutto il mondo?

A Bene era un dubbio che avevo da qualche tempo. Ma hai parlato adesso di fame, malattie e io ci metto pure la guerra. Non si può fare qualcosa?

 G.C. Io la soluzione l’avevo data. Amarsi l’un l’altro e fare cose che  si vogliono ricevere. Poi ad un certo punto sta a voi. Guarda che il libero arbitrio è tutto  .

A MI fa venire in mente una frase che dice sempre mia moglie. “Essere delle brave persone perché non si può fare altro conta poco”. Bene, avrei tantissime altre domande da farti, ma purtroppo so che sei molto impegnato. Per concludere vorrei chiederti cosa ne pensi dei 10 comandamenti.

 G.C. – Immagino tu non stia parlando del film con Charlton Heston e Yul Brynner. Bhe se non è cosi per prima cosa vorrei dire che la frase di tua moglie la trovo molto azzeccata. Per quanto riguarda i comandamenti la penso come De Andrè nella sua canzone Il testamento di Tito, riascoltala e capirai.

A Bene, ti ringrazio molto per la tua disponibilità, Spero di poterti incontrare nuovamente e voglio dirti che, come sempre, sei stato illuminante. Grazie Rabbi.

 G.C. – Grazie a te Andrea

Annunci

~ di Andrea su novembre 26, 2007.

24 Risposte to “Intervista a J.C.”

  1. Eccezionale,ero passata x 1 saluto ed invece mi hai tenuta inchiodata a leggere l’intervista,ma come hai fatto?nn c’era riuscito mai nessuno,ho sempre letto intervista di gente che parlava a posto suo….peccato fosse durata 1 po’ di + avresti potuto fare altre domande….e poi il papa è 1 tipo moderno…lui è 1 che ha capito che nel medioevo c’è il futuro…nn vedi qnti libri qnte storie…credimi è il nuovo businness…a quei tempi la magia esisteva veramente…senti davvero di cuore buonanotte a te…e al mitico rabbi!

  2. Che dire….anche io ero qui a farmi un giretto visto che son al lavoro, ma l’intervista, fatta tra l’altro da una persona atea, descrive delle verità a cui non è possibile ribellarsi: guerre, fame e malattie sono volute dall’uomo, e “amare il prossimo e non far ciò che non vorresti venisse fatto a te” sono con la modernità andate perse.
    Ecco perchè il medioevo era meglio…tutto si è fermato per qualche secolo e nulla di particolarmente brutto è stato tramandato….poi la chiesa, poi le nuove scoperte, poi l’ingordigia umana ha portato a quello che siamo oggi, cioè aver perso questi valori che anche se ripetuti da alcuni uomini, non sono seguiti dalla maggioranza.
    Ammetto mi sarebbe piaciuto sapere cosa pensava esù su Madre Teresa o Giovanni Paolo II, ma forse avrai una nuova occasione per poterlo intervistare. Nel frattempo un saluto e complimenti per l’idea…

  3. io avrei voluto anche qualche pettegolezzo sulla Maddalena…

  4. Ciao Gesu’,
    ricorda di moltiplicare i branzini e le aragoste che stasera abbiamo gente a cena e non ho tempo di fare la spesa.
    Mamma

  5. @desaparecida mi fa piacere che ti sia interessata l’intervista. Me ne ha promessa un’altra un giorno, si verdrà.
    @luca sempre troppo gentile!
    @valentina Ci tiene molto alla privacy
    @mamma di gesù (maria) grazie di essere passata, spero legga il tuo messaggio e ,soprattutto auguri per l’8 dicembre( immacolata concezione )

  6. Intervista davvero interessante. Io forse gli avrei chiesto perchè non interviene di nuovo visto che ce ne saebbe bisogno.

    Magari, questa volta, non crocefiggendo se stesso ma qualche terrestre più meritevole…..

  7. @Daniele mi tengo la domanda casomai dovesse rifarsi intervistare.

  8. probabilmente il vangelo non l’hai mai letto, dato che fu proprio gesù a non voler scendere dalla croce quando tutti gli kiedevano di farlo!! in tutti i modi la tua intervista è troppo “di parte”!! un corretto intervistatore sa mantenersi neutrale.

  9. Da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio si fece buio su tutta la terra. 46 Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: “Elì, Elì, lemà sabactàni?”, che significa: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. 47 Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: “Costui chiama Elia”. 48 E subito uno di loro corse a prendere una spugna e, imbevutala di aceto, la fissò su una canna e così gli dava da bere. 49 Gli altri dicevano: “Lascia, vediamo se viene Elia a salvarlo!”. 50 E Gesù, emesso un alto grido, spirò. (matteo)
    24 Poi lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse quello che ciascuno dovesse prendere. 25 Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. 26 E l`iscrizione con il motivo della condanna diceva: Il re dei Giudei. 27 Con lui crocifissero anche due ladroni, uno alla sua destra e uno alla sinistra. [ 28 ]. 29 I passanti lo insultavano e, scuotendo il capo, esclamavano: “Ehi, tu che distruggi il tempio e lo riedifichi in tre giorni, 30 salva te stesso scendendo dalla croce!”. 31 Ugualmente anche i sommi sacerdoti con gli scribi, facendosi beffe di lui, dicevano: “Ha salvato altri, non può salvare se stesso! 32 Il Cristo, il re d`Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo”. E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano.

    Agonia e morte

    33 Venuto mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. 34 Alle tre Gesù gridò con voce forte: Eloì, Eloì, lemà sabactàni?, che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? 35 Alcuni dei presenti, udito ciò, dicevano: “Ecco, chiama Elia!”. 36 Uno corse a inzuppare di aceto una spugna e, postala su una canna, gli dava da bere, dicendo: “Aspettate, vediamo se viene Elia a toglierlo dalla croce”. 37 Ma Gesù, dando un forte grido, spirò.(marco)

    Ha salvato gli altri, salvi se stesso, se è il Cristo di Dio, il suo eletto”. 36 Anche i soldati lo schernivano, e gli si accostavano per porgergli dell`aceto, e dicevano: 37 “Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso”. 38 C`era anche una scritta, sopra il suo capo: Questi è il re dei Giudei. 39 Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: “Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!”. 40 Ma l`altro lo rimproverava: “Neanche tu hai timore di Dio, bencé condannato alla stessa pena? 41 Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male”. 42 E aggiunse: “Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno”. 43 Gli rispose: “In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso”.

    Agonia e morte

    44 Era verso mezzogiorno, quando il sole si eclissò e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. 45 Il velo del tempio si squarciò nel mezzo. 46 Gesù, gridando a gran voce, disse: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito”. Detto questo spirò. 47 Visto ciò che era accaduto, il centurione glorificava Dio: “Veramente quest`uomo era giusto”. 48 Anche tutte le folle che erano accorse a questo spettacolo, ripensando a quanto era accaduto, se ne tornavano percuotendosi il petto. 49

    (luca)

    Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. 26 Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: “Donna, ecco il tuo figlio!”. 27 Poi disse al discepolo: “Ecco la tua madre!”. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.

    Morte di Gesù

    28 Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: “Ho sete”. 29 Vi era lì un vaso pieno d`aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. 30 E dopo aver ricevuto l`aceto, Gesù disse: “Tutto è compiuto!”. E, chinato il capo, spirò. (giovanni)

    Non ricevette nessuna proposta di scendere dalla croce. Anzi tre vangeli su 4 dichiarano la sua rabbia verso il padre (padre perchè mi hai abbandonato).
    Si può piuttosto dire che ha rifiutato di difendersi di fronte a pilato. Nessuno h acomunque chiesto a gesù di scendere dalla croce anche perche il golgota era pieno di centurioni e guardie. Anzi alle sue lamentele gli hanno spruzzato il viso con aceto. Mi spiace ma io il vangelo lo conosco molto bene. La mia intervista è certamente di parte anche perche , mi spiace deluderti, ma non l’ho intervistato realmente. Ti prego se hai delle fonti apocrife dove hai trovato informazioni che parlano di richieste a gesù di scendere dalla croce dimmi quali sono e andrò a documentarmi. Suona strano che venga proposta la salvezza ad un condannato a morte.

  10. Dopo l’intervista non c’è la parte delle domande del pubblico a casa? Non ho visto il numero di telefono quindi forse no…
    Cmq potresti aver trovato quello che cercavi no?

  11. tu sei malato..

  12. @Nicola mi piacerebbe un commento più articolato in modo da poter parlare. se vuoi io sono aperto al dialogo!

  13. …e quando te l’avrei rilasciata io questa intervista?

  14. Carissimo ,
    premesso che personalmente ho un gran rispetto per le opinioni altrui ,trovo che sputare sentenze su altrui credi sia un atto di grande egoismo.
    Sputtanare la + grande figura cristiana per eccellenza, (sede di pace per molti cuori in cui vi credono ,me inclusa) in maniera oltremodo blasfema,solo per “cercare” di dare delle risposte a tuoi particolari capricci da ateo, mi sembra pittosto ingiusto e infantile.Un consiglio che posso elargirti gratuitamente é di nn speculare su argomenti di cui nn mi sembri poi molto dotto, al contrario di quando sostieni nel ritenere di conocere il vangelo eggreggiamente..Consentimi di dire che sarebbe il caso che prima di scrivere su di un argomento ,ci si documentasse in modo approppriato .Al fine di questo è mio dovere ,oltre che mio piacere consigliarti su di una lettura che possa aiutare a far capire a te come molti altri simili nel tuo pensiero.Troverai disponibile nelle librerie il testo; “l’ evangelo come mi è stato rivelato “di maria valtorta .Ti assicuro un ottima scrittura, nonchè una base eccelente per poter capire con un intuizione originale la vera vita di cristo e il suo pensiero nascosto ,che viene proposto con semplicità e al contempo con una serie di indagini profonde a cui si getta luce mettendo in moto quel pò di materia grigia di cui disponiamo .Leggendo e penetrando nel significato forse troverai la spiegazione dei fatti della vita belli e brutti .Consideralo un invito a riflettere “chi ha orecchi da intendere ,intenda”.
    Ciò detto tanti saluti e augurì di buona pasqua!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. @Diane come tutte le persone che hanno studiato dai padri somaschi ( vedi s.girolamo) ho letto tutte e 4000 le pagine dell’opera valtortiana nonchè vari estratti dai Quaderni. Come opera, a mio modesto parere, è valida, certamente sopravvalutata e troppo riferita agli atti degli apostoli( leggi s.paolo) piuttosto che al Vangelo. Preferisco sicuramente le opere del tanto odiato Augias. Onestamente non ritengo nessuno all’altezza di spiegare (interpretare) il pensiero nascosto di nessun’altro, tantomeno io. L’intervista che ho scritto non l’ho impostata con il valtortiano intento di spiegare la Verità, bensì per poter attualizzare il mio pensiero. Per quanto riguarda la spiegazione dei fatti belli e brutti della vita, la risposta non la troveràò certo nella eccelsa ma sfigatissima valtorta che ha provato per ben 2 volte di sposarsi per poi venire “scoraggiata” dalla mamma. La mistificazione sulla sua vita è altro esempio di come si voglia santificare la ricchissima ed ispiratissima scrittrice. Comunque sei riuscita a darmi dello : sputasentenze, sputtanatore, ingiusto, infantile ed egoista. Spero che tu sia una brava cattolica. Certo non segui gli insegnamenti basilari di Cristo. In ogni caso sono contento che tu abbia scritto, ed animato una conversazione interessante ( noi atei siamo spesso Voltaireiani ) . Se torni sarò felice di intavolare ancora conversazioni con te, sempre se saprai rinunciare alle offese personali, agli insulti gratuiti e a quella spiccata voglia di insegnare e pontificare che noto nel tuo scritto. E’ meglio, io ritengo, offrire opinioni, piuttosto che demonizzare quelle altrui.
    Comunque a pasqua andrò a Ferrara, di cui santo patrono e San Giorgio. Spero che il drago che ha ucciso sia stato meno agguerrito di te ;)

  16. Qulcuno dice che per difendere ciò in cui credi devi dimostrarTI forte, agguerito ,capace di tener testA e non lasciarti intimorire da NESSUNO.Perdonami se in questo ho mancato nella delicatezza di esprimere i miei pensieri ed essere perciò apparsa arrogante + di quanto nn sia.Nn volevo emanare filippiche , io nn ho scritto con animo di istRUIRE e pontificare su nessuno ma CONSIGLIARE.TU mi definisci una pseudocristiana ma in questo risulti essere sputasentenze + di me perchè io facevo riferimento al tuo atteggiamento e nn al tuo carattere nn conoscendo la tua persona ,pittosto al tuo modo di accostarti ,consentimi , superficiale ad una questione macroscopica che investe il pensiero di milioni di persone , il cui soggetto(cristo) è il punto cardine, di forza ,l’ imperativo che tutto sostiene e a cui tutto da significato .Nella mia ignoranza permettimi di analizzare punto per punto le questioni da te affrontate nell ‘ “intervista”.La prima che ha riscontrato il mio disappunto è quella sull’ eutanasia .Messa nelle parole di cristo come auspicabile per fuggire il tormento della passione mi sembra azzardato ,è DETTO APPUNTO ;”Padre allontana da me questo calice MA sia fatta la tua volonta e non la mia (Mc 14, 36).Cristo entra nella sua Passione come “il Signore” e non come uno che ne viene travolto passivamente. Anzi, è Lui stesso che liberamente offre la sua vita secondo il comando ricevuto dal Padre.
    La seconda sarebbe quella riferita all’ apologia di padre pio ,noto a tutti per le stigmati ricevute da cristo .Perdonami ammesso e concesso (in fede)che sia avvenuto quanto detto, perchè nn considerarlo un atto d’ amore ?;”dice il Signore .PERCIO MOLTO VOLENTIERI MI VANTERò PIUTTOSTO DELLE MIE DEBOLEZZE ,AFFINCHE LA POTENZA DI CRISTO RIPOSI SU DI ME ..PER QUESTO MI COMPIACCIO IN DEBOLEZZE ,IN INGIURIE,IN ANGUSTIE PER AMOR DI CRISTO .PERCHE QUANDO SONO DEBOLE ,ALLORA SONO FORTE” (2 CORINZI 12″)o ancora (DALL’ AUTOBIOGRAFIA DI P. DOLINDO)
    Poi esponi in modo sporatico il tema della fame e della guerra .E LI EMERGE UN QUESITO DI FONDO: PERCHE GESù NN INERVIENE? “DICE CRISTO . ( lc 21, 9)
    Nel tuo controdibattito poi affronti altri punti che rianimano il mio daisappunto .Uno di questi è quello sulla sudetta sfigatissima Maria Valtorta .Ammesso e concesso che la sua vita non sia stata un trionfo di gloria e imposizione ,trovo nn si debba scordare la capacità di ordinare e indirizzare i suoi sentimenti in orizzonti di pace , a dispetto della sua condizione disagiata da imputare ad altri (vedi vita).Sicuramente concorderai sulla straordinaria capacità di peronare (di certo supportata dal divino)non di tutti .Poichè in genere si piange su se stessi ,si bestemmia e ci SI consideRA protagonisti -vittime di un offesa erogata da dio -giudice nei nostri confronti.,scordandoci di tutti e tutto intorno a noi.ANCHE solo PER futili BANALITà
    E in ultimo la tua resistenza nel cercare di interpretare il “pensiero nascosto “.Qundo tu dici che nn è tua intenzione entrare nel pensiero di nessuno ,permettimi di dire che è qui che sbagli soprattutto .Perchè è proprio nell’ nterpretazione corretta che decolla la fede, altrimenti saremmo esseri passivi,affetti da una pesante miopia che ci preclude il piu in la, lasciondoci in un mare di incertezze, tanto da accettare una quantità di dogmi dove al primo che nn LO SI capisce lO SI sorvola, senza mai CARPIRE il fine ultimo del pensiero di Cristo, perchè per ogni concetto o parabola “SALTATA” QUESTO PENSIERO RISULTA ATTERATO. Allora io propongo di nn procedere oltre ma interpretare al micron ogni siNgola parola ..Io sono ancora all’ inizio di questo percorso sto analizzando ,studiando ,interrogando e molto ancora ho da comprendere .MA A chi mi dice che senso ha avere fede , io rispondo semPlicemente che;La fede è la roccia su cui aggrapparsi nella tempesta della vita .Ma è anche le ali per chi decide di volare in alto .
    La fede è l’ ancora che da sicurezza nei momenti del dubbio e dell’ incertezza .
    Ma è anche la vela che ti permette di prendere il largo.La fede è scommettere sulla vita qui ,ora e per sempre.E’ tutto così gratuito che credimi nn hai assolutamente nulla da perdere . Il libero arbitrio di cui parli è davvero tutto e noi lo possediamo. Nn interrogare Dio allora, interroga l’ uomo.
    Ps:sono cmq daccordo con te sull’ eccessiva opulenza della chiesa

  17. SCUSA ALCUNE PARTI MI SONO SALTATE CMQ LE FONTI SONO FRA LE PARENTESI TONDE .CIAO

  18. Ciao Diane, sono molto contento che tu sia tornata, alcune persone sono passate da questo post, solo per un insultino per poi non tornare.
    Per quanto riguarda la fede, mi piacerebbe che tu leggessi il mio post ” la religione di un ateo” non per convincerti di nulla , ma sono sinceramente interessato ad un tuo commento. Sai spesso nella blogosfera c’è una autoselezione, questo rende avolte, il dibattito meno stimolante. Cosa che non posso certo dire di quello con te.
    Avendo visto che realmente sei interessata a questo “scambio di opinioni” posso sbilanciarmi e dirti cose un po più “personali” sperando in primis che tu sia interessata e, perchè no, contenta del fatto che lo faccia.
    Allora, per prima cosa, dentro me credo di invidiare un pò chi, come te, ha fede. Purtroppo io non ne ho; come tu “sai” che Dio esiste, io “so” che non esiste. Partirei, se sei d’accordo, da questo punto senza affrontare i vari discorsi sulle prove dell’esistenza di Dio che ci allontanerebbero per anni intere dal discorso focale.
    Come secondo presupposto metterei il fatto che siamo due persone che conoscono la materia di cui parlano (ovviamente la materia è vastissima quindi con i dovuti limiti ).
    Partirei dal discorso sull’interpretazione. A mio avviso 1800 anni di interpretazioni, ufficiali e non, sono troppi. Apprezzo molto chi da la sua interpretazione. Come tu sicuramente saprai la scelta dei 4 vangeli deriva dal concilio di Nicea dove sono stati scelti 1° quelli più simili tra loro( trovo che sia sensato) 2° scartati quelli che dicevano evidentemente cose un pò folli ( gesù che trasforma un rametto in un serpente per fare uno scherzo ai suoi amici) ( trovo che sia giusto) 3° quelli che stavano scomodi all’ordine sacerdotale ed imperiale ( trovo che sia sbagliatissimo). Rendendo gli altri vangeli “apocrifi”. Credimi, la mia conoscenza dei vangeli apocrifi va ben oltre Dan Brown. Tra questi vangeli alcuni parlano di una chiesa senza intermediari tra l’uomo e dio, senza chiese e monumenti, basate sugli uomini e non sui sacerdoti. Se è giusto dare le proprie interpretazioni è a mio parere dovuto avere anche dati da altri vangeli scritto da santi della stessa portata di marco, matteo, luca e giovanni. Se leggi il momento della morte di Cristo nei 4 vangeli vedrai come le parole che dice prima di morire siano diverse . Padre perche mi hai abbandonato (matteo e marco).Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito. (Luca) Tutto è compiuto (giovanni). Cristo parla del calice amaro prima di essere crocifisso. Poi gli chiede solo perchè mi hai abbandonato. Non mi piace comunque l’idea del martirio come idea salvifica. Per me, non credente, bisogna fare del bene adesso, perche la vita è una e va rispettata e amata, la mia e quella degli altri. Un dio che ama tanto da far sanguinare le mani, onestamente, non mi va, e , senza voler offendere, lo stesso padre pio non mi ha mai per nulla convinto.
    Credo di essermi un pò dilungato e perso via. Voglio ribadirti comunque la mia stima e la mia richiesta di usarnmi la cortesia di commentare il mio post ” la religione di un ateo” in quanto sarei molto curioso di avere una tua opinione. Grazie e ciao.
    P.S. il drago è stato fortunato a incontrare S. Giorgio e non te ;)

  19. Esistono varie categorie di credi; musulmani ,buddisti,cattolici
    Devi sapere che io nn rientro appieno in un categoria di queste, sn cristiana “per me” . Nn mi appresto a sottostare alle pratiche usuali del clero come la confessione, rito che nn condivido tanto per l’ inezia dei preti, i quali liquidano tutto con brevi “nn peccare più” ,”fai un pater noster” e “sii cristiano” ,che per il vero significato del SACRAMENTO. Spesso esci confessato nell’ atto non nello spirito,Lì è RIMASTO ANCORA DELLO SPORCO che nn hai saputo LAVARE e DOVE il parroco troppo spesso cattivo pescatore (non sempre)nn ha saputo RIPULIRTI DALLE TUE LISCHE ,PERCHè nn riuscendo a scavarti nell intimo . Così esci dalla chiesa con una confessione per metà e delle verità nascoste perfino a te, perchè troppo spesso nn hai il coraggio di sondare la tua anima PeR PAURA DI trovare cose che nn vorresti trovare. Allora per ovviAre a CIò e dirla alla hester prynne (la lettera scarlatta)mi autoconfesso attraverso un rapporto totalmente privato con Dio ,un dialogo fra me e lui senza intermediatore .Dio acquista un nuovo siGNificato è un padre è un amico oltre al mio salvatore è la tua stessa coscienza che ti pone delle domande ; hai fatto tutto in modo corretto ?sono stata giusta?e a cui tu inevitabilmente devi dare una risposTA.
    Nn assisto costAntemente alla messa domenicale anzi .Forse penserai è QUESTA una cristiana?ti rispondo che cerco di esserlo giorno dopo giorno e laddove ci sono errrori desidero correggierli. .Ti dirò di più , nn molto tempo fa HO passato un lasso di tempo della mia vita senza Dio. Lasso di Giorni che diventano settimane che diventano mesi .Mesi che nn parlavo con la mia anima, sentivo uno strato di SPORCO che avrei potuto urlare.MI SENTIVO piu pesante del solito tanto da poter spaccare una bilancia (per assurdo insomma peso solo 50 kg)breve parentesi per evidenziare un paradosso così grande ..Quanto l’ anima leggera come il vento possa diventare della consistenza della pietra. E se morissi iN quel preciso istante ? mi sono sorpresa a pensare, con un carico di ottomila mattoni adosso, che ne sarà di me ?e iL paradiso?in questo mi allacio.alle tue considerazioni sulla religione di un ateo . Nn è poi diversA la visione del tuo aldilà da come io lo considero .Energia che si tramuta in altra energia ,ma più altA, ancora piu pura .IL MIO ALDILà LO ragiono CON LA logica deduttiva in una visione che ha un pizzico di cristiano. Siamo esseri pensanti ,emersi dall’ ombra della pura animalità, sebbene spesso VI cadiamo ……..e dello stesso parere era il caro vecchio trapassato Erich Fromm .Questo mi da l’ iNput di sostenere che l’ uomo sia dotato dell’ agire ,un agire contro o pro a i suoi simili , DOTATO di quel libero arbitrio che possediamo come creta nelle nostre mani.Da ciò ne segue la capacità di fare del del bene o del male e concorderai che un solo granello in piu di uno di questi nella bilancia fa la differenza

  20. .Quindi mi pongo una domanda; per l’ esistenza dei valori COME L’ amore è giusto che nell’ aldila APPORTANDO UN ESEMPIO L’ energia vitale di UN GIUSTO si fonda con quella di UN MALVAGIO ? un esempio banale , forse anche pittosto infantile,MA SERIO. QUELLO CHE VOGLIO SCOPRIRE è dove risiede Il valore della giustizia QUESTA Ha un senso? E il patire ? ti dirò che per me c’è la all’ ombra di Cristo. Per quanto originale e non priva di fondamento la tua teoria manca di qualcosa, ma non sta a me Sentenziare o sindacare sul tuo pensiero. Noi possiamo esprimere opinioni credere in cio che il nostro cuore sente sia giusto, poi la visione delle cose cambia da occhio in occhio .Nn sta a me insegnarti come accostarti ad una fede, posso SOLO riferirti il brivido che passa nelle mie vene ENTRANDO nella mia chiesa …è sempre un certo orario SAI e so di non trovare nessuno. Una atmosfera calda mi accoglie QUANDO APRO LA PORTA, e un profumo penetrante di gelsomini davanti all’ altare invade l’ aria che respiro . Le vetrate PITTURATE che danno nel giardinetto retrostante mi portono la luce dorata del crepuscolo. QUESTA illumina tenuamente un crocifisso torregiante ombreggiato dalle luciNE ancora spente ….Il Cristo Ha dimensioni umane ma nella croce sembra piu grande ,il capo è reclinato sul busto .Allora mi trovo un posticino lontano dove iginocchiarmi e” lo ascolto parlare”. Nn posso esprimere con parolE la pace che entra a forza dentro me, una sorta di “eccittazione”nel rimanere sola con cristo come un assaggio proibito rubato alla mia ultima ora.Uscendo dalla chiesa spesso sono di nuovo triste, ma li dentro !!!!!!!!!!!Li dentro respiro un aria diversa sebbene sia sempre la stessa

  21. hola soy Clarita.Me voy escusar pero mi hermano se llama jesus a qui en espana se pue llamar un chico cosi ! voy no pero soy muy curiosa porque no se puede jamar un chico cos !! asta la vista ora voy !ir a cenar !!!!

  22. caro intervistatore Andrea, mi fa piacere che qualcuno ha intervistato Gesu da tempo non avevamo le sue notizie…pero purtroppo ci sono alcune cose che non quadrano nell’intervista percio penso che il Gesu che tu hai intervistato non sia quello giusto.
    per prima cosa quando dice
    Non sono per niente contento. Mi sono impegnato molto per dare delle indicazioni semplici, cose come “ama il prossimo tuo come te stesso”,
    l’uomo purtroppo non puo amare, nel suo cuore non ce l’amore ma solo l’odio e l’egoismo, l’uomo non potra MAI amare un’altra persona all’infuori di se stessa, solo quando avra capito il sacrificio che fece il vero Gesu per se, potra mettere in pratica questa verita “amare il prossimo come se stesso”
    per quanto riguarda il discorso delle guerre credo che il vero Gesu avrebbe detto(un mio pensiero non è che l’ho intervistato anche io) vedi caro Andrea, quando ero qui sulla terra avevo profetizzato che prima del mio ritorno ci sarebbero stati guerre disastri naturali e grande desolazione, percio queste avvenimenti servono per far vedere alla gente che il mio ritorno è vicino…quindi non aspettate oltre ravvedetvi dei vostri peccato perche non non ce ne sara piu tempo, cercate Dio quando egli puo ancora essere trovato”,
    e poi se vuoi fare un’altra intervista a Gesu ce la sua parola che non passa mai di moda, percio ti consiglierei di approfondire la tua conoscenza su questo “uomo” cosi magrai puoi fargli un’latra interviste con il vero Gesu. ti saluto :)

  23. SO PIPPO Schietto ma come te permetti de parla’ mettendo in mezzo Gesù-e su padre Pio l’hai sparata proprio grossa da ignorante

  24. Wow, superb blog layout! How long have you been blogging
    for? you made blogging look easy. The overall look of your site is great, let alone the content!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: